Ti sei pianto negli occhi, hai sentito meglio con le mani, erano come gherigli di noce e il duro dava testimonianza di tutto quel dolore passato solo dal tempo, non dall’ignominia...